Sala Stampa

2016 Themes and Opportunities

  • 8 febbraio 2016
  • Italy, Milano/Roma

2016: Gli Investitori Istituzionali dovrebbero prepararsi a sfruttare le opportunità create da fasi di correzioni sui mercati finanziari
 

Il contesto di mercato caratterizzato da bassi tassi di rendimento delle principali asset class tradizionali necessita di una mentalità opportunistica nella costruzione del portafoglio e di un progressivo spostamento “dal beta all’alpha”
 

Di fronte ad un contesto caratterizzato da continua incertezza, gli investitori istituzionali capaci di agire opportunisticamente possono beneficiare di opportunità create da una combinazione di maggiore volatilità e minore liquidità dei mercati. Questo lo spunto lanciato da Mercer, società di consulenza leader nello sviluppo e l’organizzazione del capitale umano, nei servizi attuariali, previdenziali e nella gestione di investimenti di investitori istituzionali. Il report Mercer “2016 Themes and Opportunities” evidenzia una serie di temi all’attenzione degli investitori istituzionali nello strutturare le loro politiche di portafoglio per il 2016.

«Mercer ritiene che le economie dei Paesi sviluppati cresceranno ad un tasso moderato nel 2016 e che la crescita nei mercati emergenti potrebbe risultare inferiore rispetto ai tipici tassi di crescita registrati nel passato, soprattutto se le materie prime rimangono deboli e il dollaro USA rimane forte», commenta Luca De Biasi, Wealth Leader Mercer Italia. «In questo contesto, gli investitori sono alle prese con una serie di fonti di incertezza - dal rallentamento in Cina all’andamento potenzialmente divergente delle politiche monetarie, non dimenticando infine le continue tensioni geopolitiche - fattori che rappresentano potenziali rischi e al contempo opportunità per gli investitori».

Mercer traccia una serie di spunti di investimento, raccolti in quattro macro-categorie :

  • La diminuita liquidità in mercati tradizionalmente liquidi presumibilmente getta le basi per periodici cicli di elevata volatilità e movimenti davvero estremi in termini di prezzo e spread;
  • Un andamento maturo del ciclo relativo alle obbligazioni societarie richiede un atteggiamento prudente e può, in ultima analisi, creare opportunità per gli asset “distressed debt”.
  • Un necessario spostamento progressivo dei portafogli dal "beta" all’alpha" può aiutare ad affrontare la sfida di un mondo caratterizzato da tassi di rendimento bassi ed aumentate correlazioni tra le principali categorie di investimento.
  • Gli investitori istituzionali soprattutto in questo momento sono incoraggiati a pensare a lungo termine rispetto all’orizzonte d'investimento, sfruttando il loro "budget di illiquidità" per andare ad investire su categorie di investimento meno liquide ma promettenti dal punto di vista sia della diversificazione che del rendimento, adottando una prospettiva più ampia sul rischio che contempli anche il rischio ambientale, tecnologico, sociale e geopolitico, accanto ai tradizionali rischi finanziari.

«In un contesto in cui pochi mercati possono essere descritti come interessanti dal punto di vista delle valutazioni implicite, gli investitori saranno ricompensati se adotteranno un approccio non emotivo e non faranno scelte di portafoglio basate su reazioni istintive a fronte di grandi fasi di volatilità dei mercati finanziari. Il nostro consiglio rimane quello di “prepararsi in anticipo” a navigare fasi molto volatili, strutturando in maniera robusta i portafogli, aumentando le strategie meno correlate e mantenendo un livello di liquidità più alto rispetto alla media. In questo modo si sarà in grado di approfittare in un prossimo futuro di prezzi interessanti su svariate categorie di investimento. Non sarà semplice mantenere la direzione evitando di farsi prendere dal panico o anche dalla facile tentazione di rincorrere tendenze rialziste di breve periodo. Ma un robusto processo di investimenti, una forte consapevolezza del Comitato Investimenti ed una esplicitazione del rischio di portafoglio sia sulla base di modellistica quantitativa che di solida conoscenza dei mercati e della psicologia degli attori coinvolti possono rappresentare un ottimo punto di partenza.» .

Il report Mercer “2016 Themes and Opportunities”, così come la ricerca “Economic and Market Outlook 2016 and Beyond" intendono approfondire i temi macroeconomici, la crescita economica ed i 5 rischi di mercato più evidenti che interesseranno economie e mercati nel 2016.

CONTATTI